Scarica i buoni sconto

Effettua login con:

Seleziona il Social Media con il quale ti vuoi autenticare e visualizza i buoni sconto disponibili.
Profumerie Vaccari | Consigli di bellezza per la piscina
53597
post-template-default,single,single-post,postid-53597,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.3, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Consigli di bellezza per la piscina

Estate uguale mare, sole e divertimento ma anche tanto caldo. Ed ecco allora vedere crescere in noi la voglia di rinfrescarsi con un bel tuffo; peccato però che essendo ancora a giugno e, non avendo tutte la fortuna di abitare vicino al mare, la nostra unica alleata, per rinfrescarsi dal caldo cittadino, è la piscina.

Ahimè però, la nostra cara amata piscina, per quanto possa un luogo divertente, soddisfacente e “salva caldo” ha un piccolo grande neo: il cloro. Quest’ultimo, infatti, per quanto sia importante nel proteggerci da funghi e virus grazie al suo potere disinfettante, può giocare dei brutti scherzi alla nostra abbronzatura (se già la si possiede); alla nostra pelle; ai nostri capelli; ai nostri occhi e alle nostre unghia 🙁

Tranquille! É proprio per questo motivo che abbiamo deciso di scrivere questo articolo: “svelarvi” qualche segreto per aiutarvi a minimizzare i danni e far si che possiate essere sempre impeccabili 🙂 Non vi resta che leggere!

ABBRONZATURA

L’abbronzatura è un rituale a cui, sia maschietti che femminucce, non sappiamo rinunciare. Poco importa come si ottiene la fatidica “tintarella” ma, l’importante è sfoggiarla! Peccato, però, che la piscina, a causa del cloro ha il potere di diminuirla. Come fare? Basta seguire tre semplici regole:

  • fare una doccia fredda dopo il bagno: l’acqua dolce toglie il cloro dalla vostra pelle e non le permette di seccarsi;
  • utilizzare creme solari waterproof: oltre a proteggervi dal sole, queste creme creano una barriera contro il cloro;
  • mantenersi idratati: bere molta acqua e mangiare frutta e verdura fresca; oltre a fare bene il potere seccante del cloro viene meno.

PELLE

La quantità di cloro che si trova nelle piscine è stata regolamentata dal Ministero della Salute in dosi che non arrechino danni alla pelle ma, considerando che esso viene messo per contrastare l’insorgere di funghi e virus nonché tenersi lontani dagli antipatici batteri, è sempre importante fare una doccia con l’acqua dolce per prevenire i fastidiosi effetti collaterali come secchezza, irritazioni o, nei casi peggiori, allergie. Per questo motivo, specialmente per chi possiede una pelle particolarmente sensibile è importante non truccarsi prima di andare in piscina e non indossare profumi. Per il resto, dopo aver fatto la doccia con un bagnoschiuma idratante, passate sul corpo una crema che ripristini il film idrolipidico della pelle.

CAPELLI

Lo ammettiamo, il cloro è il nemico numero uno dei capelli! Soprattutto per chi ha i capelli biondi o dai riflessi ramati. Perchè? Questo disinfettante ha un alto potere decolorante e destrutturante nei confronti del fusto del capello tanto da farlo virare, in casi estremi, al verde :O Come fare allora? Curare i capelli con la stessa cura che si ha della pelle; quindi via libera a cosmetici mirati che proteggono dalle radiazioni solari e dal cloro; un buon shampoo e un buon balsamo da usare sotto la doccia dopo aver fatto il bagno. Un segreto ulteriore? Fare uno chignon prima del bagno in piscina da sciogliere sotto la doccia ma, ancora meglio, usare una cuffietta in lattice .

unghie

É proprio il caso di dirlo: il cloro non risparmia nessuno! Nemmeno le nostre unghie fresche fresche di smalto 🙁  Effettivamente dopo un bagno in piscina se guardiamo le nostre mani o i nostri piedi possiamo notare come lo smalto ha la tendenza a perdere colore e a sbeccarsi facilmente. Questo avviene perchè oltre al cloro che attacca la cheratina, le nostre unghie in acqua tendono a gonfiarsi e di conseguenza lo smalto può sollevarsi e, di conseguenza, scheggiarsi quando le unghie si sgonfiano”, tornando alla loro forma originaria. Come risolvere? Usare, prima di mettere lo smalto una base e dopo, un toap coat rinforzante oppure, se volete davvero non pensarci più, dare il benvenuto allo smalto semipermante o al gel.